What
  • Accredito Culto
  • Alimentari
  • Arte Judaica
  • Catering
  • Cimiteri
  • Comunità
  • Elenco prodotti (ARI)
  • Events Planner
  • Forni, pasticcerie e gelaterie
  • Jewish Tour
  • Kosher food
  • Librerie
  • Macellerie
  • Mense Rituali
  • Musei
  • Ospitalità
  • Quartieri Ebraici
  • Sinagoghe
  • Vini
Città
Un insediamento ebraico di Pitigliano ha inizio nella prima metà del Quattrocento. Crebbe a partire dal tardo Cinquecento quando in città – all’epoca governata dai conti Orsini – vennero accolti ebrei in fuga dai piccoli centri del Lazio, Firenze e Siena, in seguito all’istituzione dei ghetti nello Stato della Chiesa e nel Granducato di Toscana. A inizio Seicento la città passò ai Medici i quali, nel 1622, imposero anche qui il ghetto. Destinarono un caseggiato lungo l’asse urbano di via Zuccarelli, fra i vicoli Marghera e Goito, dove già alla fine del Cinquecento era stata costruita la sinagoga. Nonostante la segregazione, rimasero per lo più buone relazioni con la popolazione locale  e vennero concessi privilegi eccezionali per l’epoca, come il diritto di possedere beni immobili. Non mancarono però vessazioni da parte delle autorità civici e cattoliche. Con l’insediamento nel 1799 di un governo filo napoleonico, i portoni del ghetto furono demoliti. Durante le sommosse contro rivoluzionarie, diversi ebrei furono accusati di sostegno ai giacobini ed arrestati; soltanto quando una truppa orvietana si mosse all’attacco del ghetto, la popolazione locale intervenne in sostegno del gruppo ebraico. Lo scampato pericolo fu per molti anni celebrato con un Purim locale, anche chiamato “notte degli orvietani”. Con la definitiva emancipazione (1859) gli ebrei pitiglianesi si spostarono gradualmente verso i centri maggiori. Dell’antico ghetto si conservano la sinagoga (ricostruita) e il forno per il pane azzimo pasquale, in funzione fino al 1939; nei locali adiacenti sono stati individuati e ricostruiti i tipici servizi di vita comunitaria, quali il miqveh, il macello e la cantina kasher, insieme ad una mostra di oggetti e documenti.

Quello di Pitigliano fu un centro ebraico vivace e numeroso in proporzione agli abitanti del luogo; per questo motivo, la città è tuttora nota come “Piccola Gerusalemme”.


Entrata al complesso museale da vicolo Marghera (traversa di via Zuccarelli)

Per visite
Associazione Piccola Gerusalemme
http://www.lapiccolagerusalemme.it/Pages/index.asp
Tel. +39 0564 614230
E mail: lapiccolagerusalemme@libero.it
Per visite guidate e per gruppi numerosi è necessaria la prenotazione

Orari:
Estivo (1° aprile – 30 settembre): 10 – 13.00 / 14.30 – 18.00
Invernale (1° ottobre – 31 marzo): 10 – 12.00 / 15 – 17.00
Chiusura: sabati e festività ebraiche; Natale.

Non accessibile ai visitatori a mobilità ridotta